25 settembre 2017
Leonardo Monte (13 articles)
0 comments
Share

PES 2018 – IL MOMENTO E’ ARRIVATO!

Ebbene sì, finalmente il tanto atteso momento è arrivato! Il 14 settembre tutti noi appessionati abbiamo ricevuto la nostra copia di PES 2018, il giorno stesso del suo debutto, al Day One. Il gioco è stato molto atteso quest’anno, molto più rispetto alle passate edizioni, per molti questo PES doveva essere quello della svolta, quello del definitivo sorpasso sul suo acerrimo rivale; sorpasso che però, purtroppo, sembra non voler ancora arrivare. Dopo alcuni giorni, sul web, hanno cominciato a sorgere le prime recensioni; e, con esse, sono arrivate anche le prime critiche. In questo articolo, noi di PES Italian Supporter vogliamo fornirvi le nostre personali impressioni sul gioco, confermando che la svolta, almeno in parte, c’è stata, e di brutto!

Cominciamo partendo dal dire che il nuovo gameplay del simulatore calcistico made in Japan è davvero simulazione pura, con un ritmo di gioco molto simile alla realtà, che chiede al giocatore di impostare bene l’azione coinvolgendo tutta la squadra partendo dalla difesa. A molti fans della serie questo radicale accentuamento del realismo non è piaciuto, in quanto definiscono il gioco noioso, lento e monotono. In realtà, questa svolta dovrebbe portare il gioco ad essere maggiormente meritocratico. Parliamo, poi, della grafica, che risulta aver raggiunto un livello definibile come fotorealistico: dai volti dei giocatori, alle animazioni, agli stadi, ai tifosi, al terreno di gioco PES ha raggiunto il top, rendendo il tutto uno spettacolo per gli occhi. E’ stato notevolmente migliorato anche il comparto audio, con delle telecronache aggiornate, tifo del pubblico coinvolgente e colonne sonore davvero niente male. Per ultimo ma non per importanza vi parliamo del reparto tecnico/fisico del gioco. In questo aspetto il tutto è stato notevolmente curato e migliorato, con aggiunta di nuove animazioni e con i movimenti dei calciatori che ricordano davvero quelli delle loro controparti reali. Anche le emozioni dei giocatori sono state migliorate e le esultanze sono la cosa meglio riprodotta in-game, con movimenti ultra fedeli a quelli originali. Davvero, vedendo un’esultanza in PES 2018 si farà fatica a capire se è vera o riprodotta in gioco.

L’unico riscontro negativo che possiamo e dobbiamo fare al gioco riguarda l’online. In effetti, nonostante i server siano leggermente migliorati con una maggiore stabilità e un minor numero di disconnessioni, ci sono ancora molti passi in avanti da fare. Primo fra tutti, è da rivedere e da migliorare enormemente il sistema anti-cheats del gioco. I giocatori scorretti sono stati una piaga di questo gioco soprattutto nella passata stagione; infatti questi “players” hanno profondamente rovinato l’esperienza di gioco degli altri giocatori onesti e noi personalmente non vogliamo che si ripeta. C’è da milgiorare, inoltre la stabilità dei server. Ciò si potrebbe fare con dei server dedicati migliori, più performanti.

Sicuramente, lavorando su aspetti come questi appena elencati, l’esperienza di gioco sarebbe ottima anche online, completandosi in ogni aspetto del gioco. Possiamo ribadire a gran voce, però, che la svolta c’è stata, per ora solo offline ma c’è stata. Continuando su questa strada siamo sicuri che Konami tornerà a riprendersi tutti i giocatori di vecchia data che negli anni recenti hanno cambiato sponda passando al nemico, e, siamo sicuri ne conquisterà anche di nuovi!

Quali sono state invece le vostre impressioni sul gioco? Diteci ciò che ne pensate nei commenti!

 

Leonardo Monte

Leonardo Monte

Comments

No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write comment

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *