12 maggio 2017
Leonardo Monte (9 articles)
8 comments
Share

KONAMI VS MARADONA – HA VINTO L’ARGENTINO!

Ebbene si, è stato ‘El Pibe de Oro’ ad aggiudicarsi la vittoria, nel duello che lo ha visto protagonista contro Konami. Ma prima di dirvi cosa si è aggiudicato l’ex giocatore del Napoli ripercorriamo per intero la vicenda.

Verso la fine del mese di Marzo, Diego Armando Maradona viene a conoscenza del fatto che all’interno di PES 2017 vengano utilizzati il suo nome e il suo volto, minacciando (e successivamente anche intraprendendo) una causa legale a Konami, sostanzialmente perché, sempre secondo l’argentino, non avrebbero richiesto la sua autorizzazione per utilizzare i tratti del diretto interessato.

Konami si difende, affermando che i permessi per utilizzare il volto e il nome dell’ex calciatore siano stati concessi direttamente dal Barcellona, nel contratto firmato da ambo le parti per la premium partnership stretta dalle due società; nel quale il club calcistico catalano concede a Konami i diritti d’immagine non solo per i calciatori attualmente militanti nel club, ma anche per le leggende che hanno militato in passato nel club, fra le quali figura anche Maradona.

In seguito a queste dichiarazioni rilasciate dai nipponici, l’ex campione del mondo argentino ha proseguito la diatriba, affermando che i termini del contratto stilato tra le due parti non prevedeva che Maradona apparisse in-game con la maglia della nazionale Argentina, cosa che invece è accaduta in PES 2017.

Adesso, a circa due mesi dall’inizio dello scontro di cui vi abbiamo appena parlato, il tribunale che è stato incaricato di seguire la vicenda ha finalmente emanato una sentenza, che vede l’ex Napoli come vincitore. Infatti Konami dovrà pagare a Maradona un notevole indennizzo monetario (ancora non è trapelata la somma di cui si parla) per il danno che l’ex calciatore ha subito. Inoltre, i due contendenti hanno stilato addirittura un contratto, che potrebbe recare benefici ad entrambi: ‘Diego’ sarà un PES Ambassador (con contratto ben retribuito) fino al 2020, occupandosi anche della campagna di marketing del gioco in qualità di promoter. Probabilmente figurerà anche nella copertina della prossima edizione del gioco.

L’ex calciatore è sembrato molto soddisfatto della vittoria ottenuta in questa causa e, inoltre, ha dichiarato che utilizzerà parte dei soldi ricevuti da Konami per migliorare la qualità del calcio di base nella sua terra madre.

E voi che ne pensate? E’ stata corretta la decisione del tribunale? Chi meritava la vittoria? Diteci la vostra lasciando un bel commento!

Leonardo Monte

Leonardo Monte

Comments

  1. NeymarJr
    NeymarJr maggio 14, 17:22
    Konami è stata a quello che ha garantito il Barcellona. Però Maradona.....doveva proprio alzare tutto questo polverone mediatico? Se Konami non ne voleva sapere allora poteva iniziare a far sapere la vicenda alla stampa.
    • Leonardo Monte
      Leonardo Monte Author maggio 15, 09:37
      Sembra che all'ex attaccante del Napoli piaccia stare sempre al centro dell'attenzione..
  2. Ronie9
    Ronie9 maggio 13, 15:07
    Tutti contenti e a casa.
  3. Gino90
    Gino90 maggio 13, 09:15
    Ti prendiamo in parola diego, vogliamo vedere i campetti nuovi in Argentina :)
    • Leonardo Monte
      Leonardo Monte Author maggio 15, 09:36
      Beh se ha chiacchierato solo per fare bella figura, non credo che la sua immagine ne uscirà molto pulita..
  4. Giovanni
    Giovanni maggio 13, 08:43
    Maradona ambassdor? Penso sia una vittoria anche per Konami, non volendo si è ritrovata il calciatore più forte della storia a bordo.
  5. Giuliano
    Giuliano maggio 12, 19:21
    Konami non ha colpa, il Barca ha rassicurato la società giapponese sui diritti. Comunque pare che la storia sia finita a lieto fine. Buon per tutti.
  6. Flavio
    Flavio maggio 12, 19:11
    Probabilmente Maradona ha ragione. Fatto sta che con Diego Ambassador PES ci ha guadagnato tanto.

Write comment

Your data will be safe! Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *